Yuli – Danza e libertà


Per poter visualizzare tutti i contenuti del sito dovete disattivare AdBlock o plugin simili

Yuli - Danza e libertà

Titolo Originale: Yuli – Danza e libertà
Nazione: Spagna
Genere: Biografico
Durata: 109′
Anno: 2018

Regia: Iciar Bollain
Cast: Carlos Acosta, Santiago Alfonso, Keyvin Martínez, Edison Manuel Olbera, Laura De la Uz, Yerlin Pérez, Mario Elías

Trama: Yuli è il soprannome di Carlos Acosta. Suo padre Pedro lo ha chiamato così perché lo considera il figlio di Ogun, un dio africano, un combattente. Tuttavia, fin dall’infanzia, Yuli ha sempre rifuggito qualsiasi forma di disciplina e istruzione. Le strade di un’Havana impoverita e abbandonata gli fanno da scuola. Il padre, apprezzando il suo talento per la danza, lo costringe però a frequentare la Scuola nazionale di Cuba. Grazie a lui, Yuli inizia a interessarsi alla danza e a muovere i primi passi che lo porteranno a diventare una leggenda del mondo del balletto internazionale.Fonte Trama  


Basta registrarsi gratuitamente per vedere tutto il catalogo di CinemaGratis gratuitamente

Durante la registrazione possono essere richiesti dati come nome o mail o carta di credito - Soprattutto questa ultima è necessaria soltanto per avere una registrazione univoca della persona - non verrà addebitato alcun importo sulla vostra carta senza vostra autorizzazione


Note: YULI: DALL’AVANA ALLA CONQUISTA DEL MONDO GRAZIE ALLA DANZA
Diretto da Iciair Bollain e sceneggiato da Paul Laverty, Yuli – Danza e libertà racconta la vera storia del ballerino Carlos Acosta, soprannominato Yuli dal padre Pedro. Sin dalla più tenera età, Yuli è scappato da ogni forma di disciplina ed educazione per crescere tra le strade di un quartiere in decadenza di L’Avana. Pedro però sa che suo figlio è dotato di un talento unico per la danza e lo obbliga a frequentare l’Accademia nazionale di Ballo di Cuba. Contro la sua volontà e nonostante la iniziale mancanza di disciplina, Yuli finisce con il farsi affascinare dal mondo della danza e, seppur ancora un bambino, getta le basi di quello che lo farà divenire una leggenda, uno dei migliori ballerini della sua generazione, e gli farà rompere dei tabù, divenendo il primo artista nero a esibirsi nei panni di Romeo per il Royal Ballet di Londra (dove rimarrà come primo ballerino per ben 17 anni).